La pagella di Robur Siena - Livorno

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 

Pulidori: dimostra sicurezza crescente, anche se non è stato certo impegnato alla morte. Buone un paio di uscite e prese alte. Voto 6 più

Pedrelli: al rientro, inizialmente all'insegna di una grande prudenza, non spinge quasi mai. Nel secondo tempo altra musica, riprende a correre sulla fascia e i rifornimenti ne beneficiano. Voto 6.5

Gonnelli (dal 38° st): sfortuna vuole che subito dopo il suo ingresso, in fase di riorganizzazione, la Robur pareggi. Lui, ovviamente, non c'entra. Senza voto.

Gasbarro: una certezza assoluta. Nei momenti caldi del fine gara dà una mano in avanti. Voto 6.5

Franco: lui il pendolo lo fa fin dall'inizio, duettando molto bene con Valiani. Voto 7.

 

Bruno: regge molto bene nelle due frazioni, dando la sensazione di una crescita costante. Gioca molto bene in quantità ma anche in qualità, specialmente nella ripresa. Voto 7

Gemmi (dal 38° st): pochi minuti per lui ma di enorme qualità, in un settore nevralgico. Voto 6

Luci: forse tribola un po' nella prima parte della gara, anche perché lo bersagliano senza pietà e passa più tempo a cadere e rialzarsi che a toccare il pallone. Un po' più di spazio ce l'ha nella ripresa. Voto 6 più

Doumbia: nulla di eclatante dalla freccia nera, solo una presenza costante e una costante ricerca degli spazi che, da soli, mettono in ansia i difensori bianconeri. Voto 6 più

Maiorino (dal 38° st): entra , promuovendola, nell'azione del goal-vittoria. Basta e avanza. Voto 6

Valiani: fa il trequartista centrale, lasciando le ali a Doumbia e Murilo, e rende molto. Lucido dal primo all'ultimo minuto, tanto da servire l'assist della vittoria a Vantaggiato. Voto 7

Murilo: leggi Doumbia. Voto 6 più.

Morelli (dal 32° st): il suo ingresso  non è certo conservativo. Pur non avendo logicamente le caratteristiche offensive del francese, non si rintana nella sua area. Voto 6

Vantaggiato: che dire di un giocatore che sembra girare a vuoto per quasi tutto il primo tempo, e che nella ripresa trasforma in oro ogni pallone che tocca? Si può solo dire che siamo felici che indossi la nostra maglia, e che un altro giocatore così in serie C non esiste. Voto 8

Sottil: ha costruito un bel meccanismo. Soprattutto nei valori mentali, perché quelli tecnici e agonistici sono fin troppo evidenti. La differenza tra le due squadre che abbiamo visto, almeno nel momento attuale, sta in gran parte nella testa. Ai bianconeri, ogni volta che il Livorno si affacciava nella loro trequarti, le gambe cedevano più che tremare, era visibile. Al Livorno, in pari situazione, assolutamente no. Mettiamoci anche gli accadimenti della gara, con la Robur che nel primo tempo spreca l'unica vera occasione che le capita, e nel secondo se ne divora una ancora più grande, mentre il Livorno mette all'incasso quasi tutto ciò che produce. Vedendo questi parametri contabili, si potrebbe dire che il pari sarebbe stato più giusto: alzando gli occhi e considerando lo spessore sul campo, non c'è stata gara. Al momento il Livorno è la più forte di tutte, perché sa gestire in modo ottimale i momenti buoni e quelli meno buoni di ogni partita. Voto 8

 

Ivano Pozzi

 

Photogallery