Home

La pagella di Milan - Livorno

E-mail Stampa PDF

Bardi: nelle tre reti subite non ha responsabilità evidenti, ma è l'impressione generale che non convince. La resttività non è al massimo, lo si "apprezza" in  occasione della traversa colpita in stacco aereo da Rami e anche nel goal di Balotelli, quando assiste senza fare una piega. Se si eccettuano un paio di buone uscite basse, sembra che abbia tirato i remi in barca. Voto 5

Valentini: dignitoso, quantomerno. Si impegna parecchio per rendere la vita difficile a Kakà e qualche volta ci riesce. Voto 5.5

Rinaudo: dov'era quando Balotelli chiudeva la partita al tramonto del primo tempo? Era chiaro a tutti che la prima rete del Milan sarebbe stata esiziale, non puoi perderti il più pericoloso attaccante avversario in quel modo. Buone alcune chiusure, ma non basta. Voto 4.5

Leggi tutto...
 

Milan vs Livorno 3 a 0. Prova del 9 della retrocessione

E-mail Stampa PDF

Chi aveva bisogno di una conferma alla retrocessione del Livorno sancita domenica scorsa col Chievo, è stato accontentato oggi dalla sconfitta a Milano, sponda rossonera.

Il Livorno si presenta con la stessa squadra dell'epico scontro con i clivensi, con Rinaudo al posto dell'esodato Coda e di Emeghara al posto di Siligardi. Il Livorno nel primo tempo si comporta bene, anzi a circa metà della frazione Mesbah con una discesa travolgente sta per entrare in area, tutto solo, dove viene falciato da Abbate. Per il solerte signor Irrati di Lamporecchio, che per l'estrema dolcezza di aver fatto ieri sera indigestione di brigidini, sanziona solo col giallo il giocatore rossonero che doveva essere espulso e non concede il rigore ma la punizione dal limite, che Paulinho batte in maniera indecente.

Leggi tutto...
 

Milan-Livorno: con l'obbligo morale di crederci fino alla fine! Forza ragazzi!

E-mail Stampa PDF

Amaranto significa che non appassisce. Mai. Questo è un concetto che chi scenderà in campo nelle prossime 5 partite dovrà avere bene presente. Non che fino ad oggi non lo abbiano rispettato, sia chiaro. Ad opinione di chi scrive non è mai mancato l'impegno a questa squadra e, se siamo nella situazione in cui siamo è perché è mancata l'esperienza, l'astuzia, la forza d'animo. A questa squadra c'è poco da imputare, la buona parte di chi è sceso in campo in questa serie A era all'esordio e ha fatto di tutto e di più per conquistare la salvezza ed è ancora là, a giocarsela a 5 giornate dalla fine. Le ultime due retrocessioni rimediate in serie A sono stata cosa fatta già da Febbraio, con squadre che sulla carta avrebbero dovuto conseguire la salvezza abbastanza agilmente ma che hanno peccato di mancanza di impegno e rispetto per la maglia. Questa è una cosa che a questa squadra non si può imputare: l'impegno c'è sempre stato e con esso il rispetto per la maglia. E' chiaro che non basta per vincere le partite, ma servono qualità fisiche, tecniche e mentali. I nostri ragazzi queste qualità le hanno, ma per far si che portino a risultati fruttuosi è necessario che tutto il gruppo sia al 150% delle proprie forze. La sconfitta di domenica ha dimostrato questo, basta non avere tutti gli elementi al massimo che crolla tutto anche se la volontà di fare risultato è assoluta. Domenica è crollato quasi tutto e quel quasi che ci tiene ancora in vita e che ci da la speranza è che la salvezza è a tre punti, non è ancora irraggiungibile. Il calendario, lo sappiamo, è terribile, ma lo è anche per il Bologna e anche se non lo fosse per il Bologna qui abbiamo tutti l'obbligo morale di crederci.

Leggi tutto...
 

2 anni dopo, il Tuo sorriso sempre vive

E-mail Stampa PDF


Siamo in piena primavera, a Livorno si toccano quasi i 20 gradi, eppure stamattina in tanti hanno sentito freddo guardando quella data sul calendario. Sono trascorsi 2 anni da quel 14 aprile, 2 anni in cui chi ha voluto Ti ha portato nel cuore, 2 anni in cui ci siamo fatti accompagnare dal Tuo sorriso, dal Tuo ricordo. A Livorno abbiamo potuto godere della Tua presenza per poco, 2 mesi e mezzo, 8 presenze in campo, eppure in così poco tempo sei riuscito a farTi volere bene, perché da subito avevi sposato la causa amaranto e da subito avevi condiviso al 100% le gioie e le difficoltà della Tua squadra. Ti sei fatto amare anche per quel Tuo sorriso, perennemente presente sul Tuo volto che irradiava chiunque Ti vedesse. Quel sorriso a cui tutti hanno associato un valore ancor più significativo dopo esser venuti a conoscenza di tutto quello che avevi passato. Nonostante tutto, sorridevi. E' l'insegnamento più grande e bello che ci hai lasciato, e Livorno ed i livornesi devono ritenersi fortunati ad aver fatto parte, anche se purtroppo per poco, della Tua vita. Da Livorno, dai livornesi che continuano ad amarTi parte un abbraccio, immenso, a tutti i Tuoi cari, ai Tuoi amici, a chi hai incrociato nel Tuo percorso, a tutti i ragazzi del Livorno che erano con Te quel 14 aprile. E a Te, Piermario, va un bacio ed un abbraccio infinito, ed un grazie, sincero, per tutto quello che ci hai lasciato e per essere sempre con noi.

Ciao Piermario

Irene Tistarelli

 

 

Livorno vs Chievo 2 a 4. Game Over.

E-mail Stampa PDF

Se un'eventuale vittoria sul Chievo rappresentava la chiave di volta di un'ipotetica salvezza e un risultato diverso invece retrocessione, il campo ha dato il suo responso.

Chi scrive stasera non ha voglia di fare una cronaca della partita, ma vale la pena fissare alcuni spunti di riflessione dopo questi 90' minuti da incubo.

1) Oggi il Livorno si è presentato con la linea difensiva centrale a tre formata, da un giocatore svincolato che l'anno scorso giocava in serie B argentina, nel Rosario Central. Un giocatore che l'anno scorso nell'Udinese e nel Parma (da gennaio in prestito) ha collezionato ben 19 presenze. E infine un giocatore di anni 35 che nel girone di andata con la Sampdoria ha collezionato addirittura 1 presenza a fronte di ben 7 presenze dell'anno passato. SALDI! SALDI! SALDI!

Leggi tutto...
 
Pagina 1 di 23

Chi è online

 18 visitatori online

Photogallery


Seguici su...

twitter facebook