La pagella di Livorno - Ascoli

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Mazzoni: c'è quando ci deve essere, prende tutto quello (non molto in verità) che è il frutto della pressione intermittente del Picchio. Nel primo tempo devia una punizione insidiosa, nel finale di partita respinge un colpo di testa ravvicinato di Frattesi, chiudendo in banca il risultato. Qualche rimessa sbagliata, fatta senza calcolare la forza del libeccio, non cambia il giudizio. Voto 6.5

Gonnelli: diligente e solido, non commette errori e timbra una prestazione buona. Voto 6 più.

Dainelli: il ministro della difesa rimedia un'ammonizione nel primo tempo (conseguente ad un suo errore)  e, dall'alto della sua esperienza, non se ne fa condizionare giocando una partita giudiziosa e positiva. Voto 6.5

Gasbarro: il più impegnato dei tre dietro, se la cava alla grande. Voto 6.5.

Maicon: non si capisce questo ragazzo. Mostra incertezze e carenze troppo evidenti per dipendere solo da limiti tecnici. Qualcuno ci sta pensando? Lucarelli lo toglie proprio perché non può farne a meno... Voto 4.5

Pedrelli (dal 5° st): al rientro dopo mesi, guarito dal grave infortunio. Sta molto sulle sue, comprensibilmente. Voto 6 di stima.

 

Valiani: gli aggettivi sono finiti da un pezzo, per questo gran giocatore, capace di ribaltare le fasi di gioco con una velocità impressionante. Clonare, per favore. Voto 7.

Agazzi (dal 45° st): per la statistica. Senza voto.

Bruno: lui è uno dei motivi per cui il settore più importante del campo oggi era nelle mani amaranto. Con la sua andatura finto-lenta, dalle sue parti non ce n'era per nessuno. Voto 6.5.

Rocca: positivo come finora non era mai stato. Era in verità il più scarico da compiti di contenimento, ma ha dato una buonissima mano. Sfiora la rete del raddoppio con una cannonata da fuori deviata dal portiere avversario. Voto 6.5

Fazzi: si fa notare per movimento e qualità sulla sua fascia di competenza, sfornando un cross di qualità che Raicevic trasforma nella prima fondamentale vittoria del campionato. Voto 6.5

Diamanti: oggi Lucarelli lo fa giocare un po' più avanti, e lui cerca subito di intendersi con Raicevic. Non può fare a meno di cercare anche di costruire, e ne è un lampante esempio l'azione del goal-vittoria che parte proprio da un suo lancio lungo la fascia per Fazzi. E' un movimento continuo, una costante ricerca di opportunità offensive, ma è anche un nascondere la palla, farla girare come e quando vuole. Un giocatore fondamentale dal punto di vista tecnico ma anche morale. Le sue parole nell'intervista dopo partita resteranno per un pezzo. Voto 8.

Raicevic: che al momento fosse in crescita lo si era capito già da qualche gara. Oggi ha fatto di tutto: la guerra coi difensori, la difesa della palla, l'aiuto alla difesa sulle palle inattive. In occasione del goal da tre punti segue con grande intelligenza il filtrante di Diamanti per Fazzi, si propone per il suo cross smarcandosi con abilità e impattando perfettamente la palla al volo. Gran goal, bella azione. La sua valutazione deve essere alta, per forza. Voto 8.

Kozak (dal 31° st): sostituisce il compagno stanco e lievemente acciaccato, e tutto lo stadio tifa per un suo raddoppio. Ci va vicino con un buon colpo di testa deviato. Segni di vita... Senza voto.

Lucarelli: aveva indicato questa partita come quella della svolta, e il futuro ci dirà se è effettivamente così. Di certo oggi pomeriggio abbiamo visto tracce di quello che serve al Livorno per restare in questo campionato, e che finora avevamo visto ben poco: continuità, pazienza, lucidità, forza morale, ordine tattico. La rete ha soltanto aumentato le endorfine, ha contribuito a rafforzare la fiducia, ma la partita era già indirizzata nel senso giusto. Non è capitato di pensare, come in altre occasioni, di stare vedendo undici giocatori che non avevano uno scopo comune: oggi pomeriggio abbiamo visto una squadra, forse non fenomenale ma in grado di salvarsi con i propri mezzi. Ripartiamo da qui, e dalle parole splendide di Alino Diamanti. Voto 6 più.

 

Ivano Pozzi

 

Photogallery


Risultati e classifica