La pagella di Ascoli - Livorno

E-mail Stampa PDF

Zima: para quello che c'è da parare, cioè non molto, con sicurezza.  L'impressione generale è buona, anche sulle uscite. Voto 6.5.

Di Gennaro: procura il rigore che fisserà il risultato, e si disimpegna bene in alcune chiusure. Grida vendetta la passività sulla rete, peccato. Voto 6.

Bogdan: solito standard, quindi bene. Voto 6.5.

Gonnelli: fa una chiusura su Beretta, in percussione apparentemente inarrestabile, da applausi. La perla nel contesto della solita ottima performance. Voto 7.

Valiani: sempre al pezzo, la fascia è sua e il lavoro è impagabile. Voto 6.5.

Luci: grande dinamismo e aiuti difensivi. Voto 6.5.

Agazzi: costretto ad uscire dopo un quarto d'ora. Senza voto.

Salzano (dal 16° pt): non possiede la velocità di pensiero del compagno sostituito, però sopperisce con l'esperienza e un piede educato. Buona prova anche la sua. Voto 6.5.

Porcino: Breda gli rinnova ancora la fiducia, il laterale la ripaga con una gara intensa e continua in entrambe le fasi. Voto 6.5.

Diamanti: il clima da battaglia non lo intimorisce e ci si cala perfettamente. Non c'è spazio per giocate strappa-applausi, ma il pregio di Alino è quello di mettersi sempre al servizio del risultato. Intanto non spreca il rigore, e scodella un paio di palloni smarcanti da favola. Ci  saranno altre occasioni per l'estetica. Voto 7.

Raicevic: dopo pochi minuti, lanciato perfettamente da Diamanti, non riesce a bucare Milinkovic in uscita. Forse l'episodio lo condiziona, e gioca un po' sottotono. La lotta c'è, ma da un centravanti imponente come lui ci si aspetta qualcosa in più. Voto 6 meno.

Giannetti (dal 31° st): non ingrana, sfruttando poco lo scampolo di tempo. Senza voto.

Murilo: fa molto movimento, approfittando anche degli spazi che si creano per l'azione di raicevic, e un alcune volte prova la percussione. Nulla di strabiliante, ma è vivo e vegeto: anche troppo, quindi Breda lo toglie per evitargli la seconda ammonizione che sfiora. Voto 6.

Dumitru (dal 16° st): cerca più che altro di far girare palla e di aumentare l'intesa con i compagni. Senza voto.

Breda: conferma l'undici vittorioso sul Benevento, e la squadra lo ripaga con una prestazione "da trasferta", gagliarda e positiva. Se vogliamo cercare il pelo nell'uovo, diciamo che il Livorno ha fatto abbastanza poco per vincere, almeno nella ripresa,  e che la rete ha denunciato una lieve disattenzione. Pazienza, del resto qualcuno disse che le partite senza errori finiscono quasi sempre 0-0. La continuità è importante, e l'obiettivo primario è ampiamente alla portata del Livorno. Voto 6.5.

 

Ivano Pozzi

 

 

 

Chi è online

 119 visitatori online

Ultime immagini pubblicate

Photogallery