Livorno-Foggia 3-1

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Alino da urlo

Seconda vittoria stagionale per il Livorno, la prima con Breda in panchina, che batte il Foggia 3-1 alPicchi.

Serviva assolutamente una vittoria del genere: buon gioco, grinta, cattiveria in attacco e, più in generale,un gran controllo del gioco e degli spazi. Diamanti in forma smagliante mette a segno un'importante doppietta, confermandosi sempre di più capocannoniere amaranto con 5 gol in campionato, e anche un grande assist per il 3-1 di Bruno. Alino sfiora inoltre un incredibile eurogoal con una delle sue solite conclusioni da metà campo che si stampa sulla traversa.

Raicevic si destreggia bene in avanti, mancando di poco l'appuntamento con il gol; Murilo, che prende il suo posto, si divora il 4-1.

Gioca bene il centrocampo labronico, guidato in particolare da Luci e Valiani; il capitano, soprattutto, con una prova di grande esperienza, riscatta un avvio di campionato un po' deludente. Bene anche Fazzi e Agazzi, i quali si sono fatti vedere anche in fase di spinta.

Dainelli rischia un po' nel primo tempo con un paio di retropassaggi azzardati su cui però Mazzoni, in gran forma, è rimasto lucido.

Il giovane Canessa, infine, subisce un po' la pressione dell'esordio con i grandi, facendosi ammonire a seguito di un paio di brutti interventi (uno dei quali costa l'infortunio a Camporese). Il giovane classe '99 sembra comunque sulla buona strada e potrà essere una carta importante durante la stagione (magari subentrando dalla panchina).

Il dominio visto quest'oggi potrebbe costituire un grosso crocevia della stagione, considerando che il Foggia è una delle dirette concorrenti per la salvezza e, a seguito delle sconfitte di Carpi e Padova e del riposo osservato dal Crotone, ci ritroviamo a pochi punti (rispettivamente 1, 2 e 3) dalle 3 squadre che in questo momento ci precedono.

Questo è il momento di lavorare per mantenere alta la testa e incrementare, partita dopo partita, il dato relativo ai punti, magari procedendo di 3 in 3...

Pietro Grassi

 

Photogallery