Venezia-Livorno

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Non va bene arrendersi!

Eppure continuiamo con questa mentalità.

Magari non è solo un problema mentale, c'è da dire che il crollo fisico nel secondo tempo è stato netto, soprattutto considerando l'ottimo gioco espresso nella prima metà di gara.

Il Livorno del primo tempo e quello della ripresa sono sembrate squadre diverse: spigliato, creativo, offensivo nella primà metà, celando le difficoltà delle scorse partite; difficoltà che sono tornate a galla nel secondo tempo.

Inoltre i nostri tentativi in contropiede della seconda metà di gara sono spesso stati interrotti da falletti del Venezia e, quando siamo arrivati in prossimità della porta, non abbiamo avuto la freddezza di calciare.

Livorno che, eccezion fatta per Diamanti, non è in grado di prendersi le proprie responsabilità, almeno in questa prima fase di stagione.

Murilo molto positivo, nel primo tempo a guadagnarsi ottimi calci piazzati e, soprattutto, il rigore trasformato da Diamanti e, nella ripresa, l'unico a mettere in difficoltà la retroguardia veneta.

Diamanti ottimo nel primo tempo con le sue idee e il rigore realizzato, non pervenuto nella ripresa in cui ha accusato un po' di stanchezza.

Maicon ha alternato fasi di spinta, in cui ha sfruttato la velocità di cui dispone a fasi difensive in cui ha coperto bene la fascia.

Mazzoni non può nulla sulla girata di Citro ma poi è bravo a distendersi sul tentativo del 2-1 in diagonale.

Infine prova convincente di Porcino che con buone accelerazioni sulla fascia ha supportato le manovre labroniche.

Ancora a secco di vittorie e a 2 punti in 5 partite, non possiamo essere soddisfatti di questo avvio di stagione, dobbiamo presto entrare in condizione ed un cambio a livello psicologico è necessario.

Pietro Grassi

 

Photogallery


Risultati e classifica