La pagella di Giana Erminio - Livorno

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Pulidori: ci fa venire la pelle d'oca in una sola occasione, rinviando corto sui piedi di un avversario mentre era sul fondo e distante dalla porta. Fortunatamente rientra in tempo per fermare in due tempi il tiro a spiovere. Per il resto tutto molto bene, tranquillo e sicuro nelle uscite. Voto 6.

Perico: dopo la mezza partita con il Pontedera parte titolare e la porta in fondo. Gioca una partita di sostanza, sbaglia forse un passaggio verso la fine dedicandosi in prevalenza alla fase difensiva. Finisce con ancora del fiato da spendere. Voto 6 più.

Borghese: la Guardia Svizzera non tradisce.  Gioca bene sia sul piccolo Gullit che sul monumento Sasà Bruno, si libera rapidamente della palla senza mai fare sbavature. Voto 6.5.

Gonnelli: come per Borghese, tutto molto bene. Voto 6.5.

Franco: uno dei migliori nel primo tempo, dove domina la sua zona in lungo e in largo, facendo anche il cross che vale il vantaggio. Bene anche nella ripresa, anche se si proietta meno in avanti. Voto 7.

Valiani: dà un senso più compiuto che nelle ultime uscite al suo movimento continuo. Lo aiuta senz'altro il maggior equilibrio dello schieramento iniziale. Poco incisivo al tiro, ma siamo in convalescenza. Voto 6.5

 

Pedrelli (dal 37° st): fiato e corsa, per reggere l'urto (anche se un po' moscio) degli avversari. Senza voto.

Bruno: passo felpato ma tanta concretezza, e spazi ben coperti. Voto 6.5.

Kabashi: fa il possibile per adattarsi ad un ruolo non completamente suo, di quantità, e francamente non dispiace, almeno dal punto di vista della buona volontà e dell'applicazione.  Voto 6 meno.

Murilo: che gli vuoi dire a uno che segna due reti in una partita fondamentale per l'andamento di un intero campionato, la seconda delle quali con una galoppata sulla fascia, in cui salta tre avversari e frega il portiere infilandolo sul suo palo dopo aver fintato un tiro sul palo lungo? Che gioca anche da difensore facendo un paio di recuperi da applausi?  Nulla, gli dai un votone. Voto 8.

Bresciani (dal 26° st): entra e comincia a correre come Forrest Gump. Bravo a tenere la palla lontano dalla nostra area. Voto 6.

Montini: prezioso per tenere alto il baricentro, e non viene mai tutelato dall'arbitro (uno dei peggiori in campo). Lotta, le dà e le prende. Per la partita che è stata, per la sua importanza, va benone. Voto 6 più.

Vantaggiato (dal 37° st): turnover opportuno. Il finale sarà in apnea... Senza voto.

Manconi: fa una grande fatica a entrare nei meccanismi. Tiene pochi palloni, è un po' troppo frenetico nell'azione e spreca un paio di ottime iniziative. Dalla sua una rete, dopo aver soffiato la palla al portiere che l'aveva persa in rimessa, ma l'arbitro la pensa diversamente. Deve migliorare. Voto 5.5.

Doumbia (dal 15° st):  punta la porta e gli avversari ma non è ancora lui. Speriamo ritorni. Voto 5.5

Sottil: dopo aver attraversato lo psicodramma in settimana, torna lucido e mette in campo una squadra equilibrata nello schieramento, logica nella manovra e concreta nell'approccio e nella conduzione della partita. Il resto viene da sé, con le due reti pesantissime di Murilo, il centrocampo ordinato e mobile, la difesa rocciosa e pulita. Intendiamoci, siamo in convalescenza, i fuochi artificiali di tre mesi fa sono lontani, ma vincere aiuta a vincere e migliora la salute. Bravi, e continuiamo così. Voto 6.5

 

Ivano Pozzi

 

Photogallery