La pagella di Pisa - Livorno

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Mazzoni: evita un passivo peggiore in un paio d'occasioni, chiudendo la strada all'inizio a Mannini e bloccando sulla linea il tocco ravvicinato di Masucci. Non può nulla sulla rete di Eusepi. Non si fa intimorire e non abbocca a provocazioni. Voto 6.5

Pedrelli: piantato dietro nel primo tempo, non si sa se per scelta o necessità. Meglio nella ripresa, quando finalmente inizia a spingere e sfiora il palo con un tiro cross. Voto 6 meno

Gonnelli: fa un paio di recuperi di lusso, perle in una buona prestazione. Voto 6 più.

Baumgartner (dal 34° st): troppo acerbo per il clima da corrida. Senza voto.

Gasbarro: tiene botta, concedendo il minimo sindacale. Voto 6

 

Franco: la sua spinta è continua e la sua fase difensiva discreta. Voto 6

Luci: meno brillante del solito, forse soffre il clima derby ma anche la mancanza di supporto dagli esterni che finisce per scaricare tutto il peso dell'interdizione sulle spalle dei due centrali. Migliora nella ripresa, specialmente nei contrasti, anche per lo spostamento di Valiani al centro, ma alla fine la differenza vera la fanno i pezzi grossi delle due squadre: quelli del Livorno non rendono secondo le loro possibilità, quelli del Pisa vanno oltre. Voto 5.5

Montini (dal 34° st): tutto per tutto, ma l'ingresso del pivot non sposta di un millimetro l'asse della gara. Senza voto.

Giandonato: compassato, troppo per il clima che si instaura quasi subito all'Arena Garibaldi. Parte anche bene, ma si spegne alla distanza. Voto 5.5

Maiorino (dal 13° st): non riesce quasi a entrare in gara, provando a cercare la porta solo in un'occasione. Si innervosisce, rimedia due ammonizioni di frustrazione e dopo ventitre minuti lascia la squadra in 10. Pessima prestazione. Girare pagina alla svelta. Voto 3.

Valiani: fa movimento nel primo tempo senza concludere granché. Meglio nella ripresa, quando arretra nella posizione centrale e infatti per alcuni minuti il Livorno dà almeno l'impressione di poter rimettere la barca in assetto. C'è da dire che le prestazioni del pistoiese sono troppo importanti per il Livorno. Voto 5.5

Murilo: evanescente, mai in gara. Nel finale del suo segmento rimedia un giallo, ed esce opportunamente. Voto 5

Perez (dal 23° st): prova a fare qualcosa, mostrando personalità nella ricerca della porta. Voto 5.5

Doumbia: non trova spazi nella prima parte della gara, andando sempre a infilarsi nella nassa nerazzurra. Quando le squadre si allungano fa un po' meglio, ma poca roba. Voto 5.5

Vantaggiato: vita grama anche per lui, oggi all'Arena. Nessun pallone giocabile, e da solo non riesce a fare reparto. Entra in qualche azione cercando di costruire occasioni, che non arriveranno. Voto 5.5

Ponce (dal 23° st): si butta in area e segna la rete annullata al Livorno, e c'è il sospetto che fosse regolare. Voto 6 meno.

Sottil: questa è la sede in cui si esamina complessivamente la prestazione della squadra, e stavolta non ci siamo. La partita, decisa come spesso succede da due episodi (valutati peraltro in modo difforme dall'arbitro), ha visto una squadra interpretarla nel modo giusto e l'altra no, e la prima non è il Livorno. Il Pisa è stato più concreto, più sporco e cattivo, più furbo nell'innervosire l'avversario, e onestamente ha avuto qualcosina in più davanti. Come già detto poco prima, la differenza vera l'hanno fatta i senatori delle due squadre: partita monstre di Mannini e grigia di Luci e Valiani.  Benino il Livorno nella ripresa, migliore nell'approccio, ma l'incredibile Maiorino ha chiuso ogni possibilità: a quel punto la stanchezza prevaleva nelle due formazioni, e restare in dieci significava  chiudersi ogni possibilità. Stavolta la panchina non ha fatto il miracolo ( e alcune mosse di Sottil, come quella di Baumgartner, lasciano un po' perplessi), ma del resto doveva arrivare la volta in cui non si riusciva a recuperare. A questo punto la domanda viene spontanea: ci saranno conseguenze sulla testa dei giocatori? Confidiamo nell'abilità del tecnico, finora molto in gamba. Voto 5

 

Ivano Pozzi

 

Photogallery