La pagella di Monza - Livorno

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Mazzoni: il portierone rientra e lo fa alla grande, respingendo due dei tre tiri nello specchio della porta effettuati dai brianzoli, uno di pugno e l'altro di piede. Il terzo vale il vantaggio del Monza e non può farci niente. Voto 6.5

Morelli: ci mette un po' a salire, ma quando lo fa non si ferma più e riesce a sfornare parecchi cross interessanti. Voto 6.5

Pedrelli (dal 18° st): Sottil ha bisogno di forze fresche nel momento della ricerca del pari, e il potente fluidificante gliela dà. Qualche errore negli appoggi ma tutto sommato bene. Voto 6

Gasbarro: come sempre interpreta in modo propositivo il suo ruolo, non rinunciando fino dai primi minuti ad uscire, anche perché lo svolgimento della gara propone quasi subito una squadra avversaria che si chiude e non punge. Voto 6.5

Gonnelli: sembra incredibile ma un giocatore della sua qualità vede poco il,campo, e questo la dice lunga sulla profondità della rosa amaranto. Quando gioca è inappuntabile. Voto 6 più

 

Perez (dal 32° st): è una ottima risorsa, e lo dimostra affondando sulla fascia e scodellando un cross al bacio per il tuffo vincente di Vantaggiato. Si ripete, mostrando un'elevazione invidiabile, rimettendo di testa un pallone d'oro in area, purtroppo non raccolto da nessuno. Voto 6 più

Franco: spinta continua e preziosa. Purtroppo si trova a causare il corner che manda in rete Cagliati, ma in quella circostanza sarebbe stato problematico fare qualsiasi altra cosa. Voto 6.5

Luci: fa in pieno il suo dovere, contrastando e rilanciando. Galvanizzato dalla rete spettacolare di mercoledì, prova più volte a cercare la porta ma stavolta non va. Voto 6.5

Gemmi: non ha la quantità di Bruno e nemmeno le geometrie di Giandonato (o almeno non ancora entrambe le cose), ma si sbatte tantissimo e gioca una buonissima partita. Voto 6 più.

Giandonato (dal 1° st): migliora la logica nella circolazione di palla, ma non la velocità o almeno non quanto servirebbe. Comunque è positivo anche lui. Voto 6.

Valiani: un po' meno brillante del solito. Intendiamoci, mai insufficiente, solo che stavolta fa veramente fatica a trovare anche quel mezzo metro che gli consente di solito di liberare l'estro e affondare. Certo tre partite in otto giorni non sono uno scherzo. In tutto ciò rischia comunque di segnare con un bel colpo di tacco. Voto 6

Montini (dal 14° st): Sottil gioca il tutto per tutto mettendo due punte centrali e due mezze punte. Il giovane puntero fa il possibile per trovare spazi, non ha buone opportunità ma impegna la difesa. Voto 6 meno.

Maiorino: un po' nervoso e impreciso, non riesce mai a far male agli avversari. Un piccolo passaggio a vuoto per lui. Voto 5.5

Murilo (dal 1° st): qualche volta va a schiantarsi sul muro rosso per l'ostinazione di cercare sfondamenti improbabili, poi capisce che deve giocare in modo diverso e si rende davvero utile. Voto 6.

Doumbia: una molla compressa che stenta a sprigionare tutta l'energia potenziale. Lo frenano le gabbie predisposte e un po' la sua irruenza. Insiste e nella ripresa fa venire il mal di testa agli avversari, pur senza pungere come sa fare. Voto 6

Vantaggiato: i bomber di razza sono questi, riescono a tramutare in rete anche  l'unica occasione che gli capita. Nel primo tempo poteva anche sedersi in area, tanto il pallone non ci sarebbe mai arrivato per la bella prestazione difensiva del Monza. Meglio nel secondo tempo, quando il gioco sulle fasce finalmente riesce ad essere produttivo e più rapido. Voto 7.

Sottil: come era prevedibile, questa è stata una partita in cui le cinque sostituzioni hanno avuto veramente un peso decisivo. Ovviamente la nuova regola avvantaggia chi ha una panchina profonda, e il Livorno sembra essere di questa compagnia. Stavolta l'asso nella manica è stato Perez, rapidissimo a entrare in partita e preciso nell'esecuzione del cross vincente per Vantaggiato. Anche gli altri subentrati hanno fatto bene, e il punto deve essere ben accolto. Non dimentichiamo che i briantei sono andati a sbancare Siena in modo largo, e che vincere sempre è bellissimo ma irragionevole, specie in un campionato livellato come questo. Forse l'approccio del Livorno non è stato dei migliori, ma prendiamo e portiamo a casa. Voto 6.5

 

Ivano Pozzi

 

Photogallery