Livorno vs. Spezia 1 a 2. Furto con destrezza all’Ardenza

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 22
ScarsoOttimo 

Prima battuta d’arresto stagionale per il Livorno, che viene immeritatamente sconfitto da una Spezia fortunato negli episodi chiave della partita e bravo a non far giocare. Mister Panucci piazza Comi centrale offensivo, con Fedato ed Aramu sulle fasce. A centro debutta Jelenic a fianco di Schiavone e Luci. In difesa Gasbarro va sinistra, Calabresi a destra con Lambrughi e Ceccherini centrali. Nella prima mezz’ora la corazzata Spezia fa da sparring partner ai nostri ragazzi, che per ben tre volte sfiorano il vantaggio costringendo il portiere spezzino a due interventi di grande pregio, prima con Jelenic, poi con Comi. Da segnalare il fatto che tutte e tre le incursioni avvengono centralmente, dato che lo Spezia sulle fasce chiude sempre raddoppiando sui nostri esterni che sino ad oggi hanno fatto la differenza.

Da segnalare anche che l’arbitro ha tenuto un atteggiamento ai limiti dell’irritante, non sanzionando quasi mai a dovere gli spezzini che picchiavano come fabbri e che ad ogni ripartenza ci bloccavano impunemente..

La capacità di verticalizzare il gioco sopperisce anche alla ormai abituale superiorità numerica a centrocampo degli avversari che anche oggi partono a quattro per diventare cinque in fase di contenimento. In campo si vede solo il Livorno, sino al 43’ quando nell’ unica azione degna di nota, Catellani e Migliore sulla nostra destra hanno vita facile con Calabresi ed Aramu e confezionano un assist perfetto che Situm insacca da solo in mezzo all’area. Dagli spalti abbiamo avuto l’impressione che Migliore quando è scattato per poi proseguire con l’assist a Situm fosse in netto fuori gioco, con il segnalinee che si trovava di almeno venti metri dietro alla linea dell’azione.

Si va al riposo con lo Spezia immeritatamente in vantaggio. Nella ripresa Pasquato subentra ad un poco incisivo Jelenic. Lo Spezia fa valere la superiorità numerica a centrocampo, riuscendo a bloccare le nostre iniziative marcando praticamente a uomo Schiavone, oltre ai due esterni Fedato ed Aramu che non riescono a trovare spazi. E quando un po’ di spazio viene trovato, arriva sempre e comunque il fallo sistematico. Tant’è che anche il francescano Di Paolo da Avezzano si ricorda di avere in dotazione anche un fischio ed un cartoncino di colore giallo. L’atteggiamento dello Spezia costringe il Livorno a provare per vie centrali e fra il 60’ ed il 72’ Pasquato arriva due volte alla conclusione centrando il bersaglio nella seconda occasione con un bel destro da fuori area che si insacca alla destra di Chichizola. I nostri ragazzi non si accontentano cercando il vantaggio e la reazione fa ben sperare, sino a quando Situm supera ancora una volta un Calabresi in evidente difficoltà fisica e tecnica e mette al centro per il subentrato Calaiò che, da solo, come Situm nel primo tempo, segna il gol del definitivo vantaggio spezzino.

Subiamo quindi una immeritata sconfitta da una squadra che sulla carta dovrebbe essere tra le prime tre forze del campionato, con cinque-sei elementi che sono oggettivamente di categoria superiore. Forse potevamo accontentarci del pareggio, ma la situazione pareva volgere al meglio in quel frangente.

Mister Panucci deve riflettere su questa partita, variando gli equilibri difensivi, dato che sulla fascia destra siamo sempre stati in sofferenza dall’inizio del torneo. Anche a centrocampo siamo sempre in inferiorità numerica e si è notato ancor di più il peso che pe questa squadra ha Daniele Vantaggiato, capace di far salire i compagni e di farli inserire.

Quest’anno però se il Mister si gira indietro non vede la solita panchina sulla quale siedono mezzi giocatori o ex calciatori. A lui il dovere di far tesoro degli errori e di sistemare le cose già dalla prossima.

Anche perché il Cesena, come scala di valori, è immediatamente dietro allo Spezia, e vedremo di che pasta siamo fatti.

Il tabellino

Livorno: Pinsoglio, Calabresi, Ceccherini, Lambrughi, Gasbarro, Luci, Schiavone (73? Biagianti), Aramu (61? Vajushi), Jelenic (45? Pasquato), Fedato, Comi. A disp: Ricci, Gonnelli, Moscati, Kukoc, Palazzi, Bunino. All. Panucci

Spezia: Chichizola, Matic, Terzi, Postigo, Migliore, Brezovec, Juande, Acampora (59? Canadjia), Catellani (79? Ciurria), Situm, Nenè (63? Calaiò). A disp: Sluga, Valentini, Milos, Errasti, Rossi, Kvzric. All. Bjelica

Arbitro: Di Paolo di Avezzano

Reti: 43? Situm, 72? Pasquato, 87? Calaiò Note: angoli 1-1

Ammoniti Nenè, Situm, Calabresi, Catellani, Canadjia, Luci, Juande,

Recupero 2? + 4?

Spettatori 8.443 -

 

Photogallery