Cosa ne pensate dei sindacati?

Tattico
Messaggi: 281
Iscritto il: 01/09/2015, 21:32

Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda Tattico » 25/10/2018, 21:30

Sondaggio:
Cosa ne pensate dei sindacati?
Curiosità mia.....
spiritual
Messaggi: 2548
Iscritto il: 07/09/2015, 12:59

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda spiritual » 25/10/2018, 23:36

Nella mia esperienza quarantennale di vita in fabbrica (fabbriche) posso dire di aver avuto esperienze negative con i sindacati per colpa non della struttura, ma delle persone che la rappresentavano.
Ma dove c'è un vuoto sindacale trionfa la peggiore politica dei padroni, questo è sicuro.
Avatar utente
nenciodamus
Messaggi: 413
Iscritto il: 29/02/2016, 11:46
Località: Livorno

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda nenciodamus » 26/10/2018, 12:32

I sindacati, come altre forme di diritto, sono necessari al riequilibro dei poteri. Come negli altri poteri il posizionamento di persone inadeguato ha portato uno scoramento dei cittadini nei loro confronti. Le peggior infamie degli ultimi anni sono figli della totale mancanza dei sindacati ai tavoli di lavoro. Gli scioperi sono visti che opportunità di non lavorare, o ad esempio nella scuola di lavorare a turno col personale minimo da poter di re di non garantire il servizio, e quindi essere sul posto di lavoro senza fare niente (spero di essermi spiegato). Il problema irrisolvibile dell'italia è la totale mancanza di senso civico.
"La questione morale esiste da tempo e dalla sua risoluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico." Enrico Belinguer
spiritual
Messaggi: 2548
Iscritto il: 07/09/2015, 12:59

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda spiritual » 26/10/2018, 14:41

E' vero: siamo individualisti al 1000 per 100. Abbiamo intelligenza e apertura mentale da vendere e nessuno potrebbe competere con noi, ma non facciamo squadra, non abbiamo il senso di responsabilità generale. Troppo furbetti, a scapito degli altri.
Avatar utente
piazzamagenta
Messaggi: 2330
Iscritto il: 28/08/2015, 18:15

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda piazzamagenta » 26/10/2018, 18:54

Sono d’accordo con quel che dite.
Del resto non è l’idea della sinistra a essere fallita, ma i partiti che dovrebbero rappresentarla e col sindacato funziona uguale.
Dove lavoro io, per far capire come funziona oggi, il sindacato è un’arma dell’azienda e non dei lavoratori.
Fides
Messaggi: 764
Iscritto il: 02/10/2017, 23:16

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda Fides » 26/10/2018, 19:27

piazzamagenta ha scritto:Sono d’accordo con quel che dite.
Del resto non è l’idea della sinistra a essere fallita, ma i partiti che dovrebbero rappresentarla e col sindacato funziona uguale.
Dove lavoro io, per far capire come funziona oggi, il sindacato è un’arma dell’azienda e non dei lavoratori.


partiamo dalla a

la società moderna con tutti i suoi pregi e difetti è formata da individui
quindi i partiti i sindacati sono guidati da persone più o meno capaci

venendo a mancare gli "ideali" che hanno dato vita a partiti e sindacati
l'uomo ha cercato di sfruttare la società per propri fini

e purtroppo cè riuscito a scapito delle masse del proletariato . le quali oggi
sono nel penultimo gradino della scala sociale.

valutate voi quanti gradini cerano 50/60 anni fa e quanti ce ne sono oggi

la mancanza di unaa società civile -- leggere gramsci
ha creato mostri e costringe a chi sta sotto a ribellarsi, ma come!?

negli anni 70 - 80 lom sciopero era una forma di lotta che qualche risultato
lo portava..
oggi se scioperi perdi i quattrini e rischi il posto. quindi sciopero un lo fai e sopporti.

quindi , a me sembra che oggi sia una società incivile e siamo TUTTI CONTRO TUTTI
Avatar utente
Viss
Messaggi: 141
Iscritto il: 11/01/2016, 18:58

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda Viss » 26/10/2018, 20:47

Se andiamo nel dettaglio di quelli confederali male, di quelli di base bene. In generale negli ultimi vent'anni soprattutto la CGIL si è bella che venduta (ovviamente non sto parlando degli accordi delle singole imprese) mentre chi lotta sempre davanti alle fabbriche non firmando molti accordi soprattutto di quest'ultima, e non per un fatto di originalità, sono appunto quelli di base. Se hai fatto la domanda per sapere a quale sindacato iscriverti, beh sicuramente non la sopra citata che oramai non ha alcuna differenza dal PD partito, io ci sono stato iscritto per 5 anni e poi negli ultimi 15 all'USB e mi sono trovato sempre bene, comunque di quelli di base l'uno vale l'altro.

P.S. Non ho menzionato l'UGL ovviamente perchè quello è sempre stato il sindacato dei padroni.
Avatar utente
Plinio
Messaggi: 1418
Iscritto il: 20/05/2016, 15:43
Località: Borgo

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda Plinio » 26/10/2018, 21:17

Viss ha scritto:Se andiamo nel dettaglio di quelli confederali male, di quelli di base bene. In generale negli ultimi vent'anni soprattutto la CGIL si è bella che venduta (ovviamente non sto parlando degli accordi delle singole imprese) mentre chi lotta sempre davanti alle fabbriche non firmando molti accordi soprattutto di quest'ultima, e non per un fatto di originalità, sono appunto quelli di base. Se hai fatto la domanda per sapere a quale sindacato iscriverti, beh sicuramente non la sopra citata che oramai non ha alcuna differenza dal PD partito, io ci sono stato iscritto per 5 anni e poi negli ultimi 15 all'USB e mi sono trovato sempre bene, comunque di quelli di base l'uno vale l'altro.

P.S. Non ho menzionato l'UGL ovviamente perchè quello è sempre stato il sindacato dei padroni.


La similitudine fra PD e CGIL non fa una piega.
Gente distaccata dalla realtà ultimamente. Purtroppo.

Sui sindacati in generale, depurati dalla politica, svolgono una funzione sociale essenziale per i più deboli, non solo contro i padroni, ma anche contro lo stato.
Te lo dice uno che è stato costretto a fare causa all’ INAIL. Senza sindacato col cavolo che ci riuscivo...
"Livorno e' una piazza particolare. Non vuole campioni, ma uomini veri, disposti a sposare una causa"
O. Jaconi
Avatar utente
Fortore 2
Messaggi: 1135
Iscritto il: 17/08/2015, 17:00
Località: Cenaia

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda Fortore 2 » 27/10/2018, 9:46

Ho fatto per anni attività sindacale. Quando ho deciso di avvicinarmici, l'unica associazione, nel mio settore lavorativo, che era sciolta dai vari partiti e che poteva fare liberamente tutto il casino che voleva, era la Confederdia. Ho ricoperto per anni anche ruoli a livello regionale. Sono stato ai tavoli con tutte le parti sociali a discutere di contratti, regolamenti ecc....

Le tre sorelle storiche NON fanno la politica del lavoro fine a se' stessa, ma solo quella della parte politica che rappresentano. Non sono obiettive, non sono libere mentalmente.
Spesso, anche di fronte ad evidenze macroscopiche si nascondevanodietro alla penna. Salvo poi, in privato ed in amicizia, dirmi che " dovevano fare così ......"

È triste,lo so, ma è così.
Se pensavo a mi' padre che prendeva i giorni di ferie per andà ai congressi della CGIL a giro per l'italia e tornava soddisfatto per avé stretto la mano a Lama o a Berlinguer, mi veniva voglia di principià a dà li storcidiòllo a tutti.

Faccio un esempio attuale : fate finta, se ci riuscite e n'avete voglia, di scordavvi chi ha fatto la proposta della modifica delle pensioni e di valutalla in un contesto dissociato dal governo. Per me è una grande cosa, perché dopo che una persona ha lavorato quarant'anni è giusto che vada in pensione, se vuole.
I governi precedenti, da anni, avevano cambiato in maniera unilaterale il contratto che mi avevano fatto sottoscrivere quando, ner 91 ho iniziato a lavorà, cambiando le carte in tavola e dicendomi via via che avrei dovuto lavorà fino a 65 - 67 anni, con 42 - 44 anni di contributi. Se questa modifica l'avesse fatta la sinistra sarebbe stato un successo clamoroso. Ora invece è una caata.
Immagine
Immagine
Immagine
Avatar utente
Plinio
Messaggi: 1418
Iscritto il: 20/05/2016, 15:43
Località: Borgo

Re: Cosa ne pensate dei sindacati?

Messaggioda Plinio » 27/10/2018, 10:34

Su quota 100: per me è una cosa giusta di per se, ma va ovviamente finanziata, cosa difficile se vuoi fare anche il reddito di cittadinanza, flat tax, etc. E soprattutto inquadrata in una riforma organica, sostenibile e duratura.
Sennò diventa solo una cosa temporanea, fatta in deficit,
non sostenibile, insomma uno spot elettorale.

Poi se vogliamo pensare che la cosa fosse stata così facile ed i governi precedenti sono masochisti, facciamo pure.

Infine,c’è un problema di comunicazione. Dovrebbero anche dire che certi assegni sono ridotti fino al 20%.
Dire solo le cose belle è facile, come negli spot appunto.

Mi permetto di fare una previsione. Questo governo salta prima dell’attuazione di quota 100. Ovviamente “per colpa dell’ Europa”. Ed il gregge belante ci crederà.
Vedremo...
"Livorno e' una piazza particolare. Non vuole campioni, ma uomini veri, disposti a sposare una causa"
O. Jaconi

Torna a “Off topic”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti